AlbinoLeffe, c'è in gioco mezza B
Per l'Atalanta il derby vale la fuga

AlbinoLeffe-Atalanta, sfida quasi decisiva per la squadra allenata da Mondonico. Sarebbe dovuto essere un derby di festa, con l'Atalanta in serie A e l'AlbinoLeffe già salvo. Invece lunedì (ore 20,45) i seriani si giocheranno una fetta di serie B.

AlbinoLeffe, c'è in gioco mezza B Per l'Atalanta il derby vale la fuga

AlbinoLeffe-Atalanta, sfida quasi decisiva per la squadra allenata da Mondonico. Sarebbe dovuto essere un derby di festa, con l'Atalanta in serie A e l'AlbinoLeffe già salvo. Contrariamente alle più rosee previsioni, il posticipo tutto orobico della penultima di campionato, in campo lunedì 16 maggio alle 20,45 al Comunale, sarà un match cruciale per i seriani.

L'AlbinoLeffe ha infatti bisogno di punti e uno potrebbe anche non bastare per rincorrere la salvezza diretta. Insomma, l'incubo dei playout è serio e, non per essere pessimisti, ma il margine è soltanto di tre punti, c'è anche da scongiurare l'ipotesi della retrocessione diretta.

Il mister di Rivolta d'Adda non ha vissuto una settimana d'avvicinamento molto tranquilla: la sconfitta nella sfida-bis con la Reggina (3-1), la lunga serie d'infortunati e le squalifiche di Foglio e Zenoni non hanno aiutato a ricreare entusiasmo nell'ambiente.

Il Mondo ha deciso di svolgere a porte chiuse gli ultimi allenamenti prima del derby: sicuramente il mister dei seriani avrà insistito proprio sulle motivazioni e la voglia di uscire da una situazione così delicata. Sulla sponda opposta c'è l'Atalanta che, potere dei derby, nonostante giochi sulla carta in trasferta, sarà ovviamente, la più acclamata dal pubblico presente allo stadio.

Lo stato d'animo dei nerazzurri è ben diverso da quello dei seriani. Gli atalantini, freschi di promozione, hanno passato una settimana senza stress e pressioni e arriveranno alla sfida carichi e con tanti uomini pronti a giocarsi le loro carte. C'è un primo posto da raggiungere, una coppa ancora da alzare, ma come ha confermato l'allenatore Colantuono «Non deve essere un'ossessione!». La rivale Siena ha perso rocambolescamente contro l'Ascoli (vinceva 2-0 in trasferta, ha perso 3-2): il derby diventa così un'occasione d'oro per Doni e compagni, che con 7 punti in tre gare potrebbero regalarsi la vittoria finale.

Veniamo agli uomini. Contro l'AlbinoLeffe mancheranno sicuramente lo squalificato Tiribocchi e gli infortunati Doni, Bellini e Mafredini; a Carmona e Barreto è stato concesso un turno di riposo in vista delle loro future prestazioni con le rispettive nazionali sudamericane. In queste ultime giornate l'allenatore atalantino darà spazio a chi ha giocato meno.

Nella conferenza stampa della vigilia il tecnico romano si è soffermato sulla disponibilità del gruppo atalantino: «Non voglio dare il contentino a nessuno - ha affermato -. Giocheranno giocatori che sono stati importanti quando sono stati chiamati in causa. La nostra vera forza è stata proprio questo».

Davanti a Consigli dovrebbero essere schierati da destra a sinistra Ferri, Talamonti, Troest e Peluso; a metà campo Bonaventura, Basha, Delvecchio e Pettinari, che vorrà far vedere quello di cui è capace. In attacco si concentrano i dubbi più importanti. In settimana sono stati provati Ceravolo e Marilungo, ma appare difficile una simile scelta, vista la poca fisicità dei due. Marilungo appare in vantaggio rispetto all'ex reggino, e dovrebbe essere affiancato da Bjelanovic.

Non si spaventino infine i diretti avversari dell'AlbinoLeffe nella lotta salvezza. Al Comunale sarà vera partita: solo una questione di motivazioni potrebbe fare pendere il piatto della bilancia dalla parte della bluceleste. In casa Atalanta non sarebbe logico mollare punti preziosi proprio ora e non solo per la classifica, ma anche come segno di rispetto nei confronti dei tanti tifosi che riempiranno lo stadio cittadino. Se pareggio sarà, che arrivi dopo 90' giocati ad alti ritmi, con spettacolo e magari qualche gol. Per onorare il calcio bergamasco nel migliore dei modi.

Simone Masper

I due schieramenti
ALBINOLEFFE (3-4-2-1)
: 1 Tomasig; 3 Bergamelli, 21 Sala, 77 Piccinni; 16 luoni, 5 Passoni, 58 Hetemaj, 79 Regonesi; 9 Grossi, 10 Bombardini; 32 Torri. In panchina: 28 Layeni, 27 Lebran, 4 Klun, 15 Martinez, 91 Bianchetti, 17 Cisse, 19 Cocco.
ATALANTA (4-4-2)
: 47 Consigli, 32 Ferri, 2 Talamonti, 24 Troest, 13 Peluso; 89 Bonaventura, 40 Delvecchio, 19 Basha, 23 Pettinari; 66 Marilungo, 18 Bjelanovic. In panchina: 78 Frezzolini, 4 Capelli, 11 Madonna, 22 Padoin, 79 Ferreira Pinto, 70 Ceravolo, 28 Ruopolo. All. Colantuono.
Arbitro: Velotto di Grosseto (Franzi-Stallone/Penno).
In tv: Sky Calcio 1 HD, Mediaset Premium SerieB.

© RIPRODUZIONE RISERVATA