Sabato 01 Dicembre 2012

L'Atalanta a caccia di continuità
A Bologna dubbio Jack-De Luca

Alla ricerca di continuità. Per l'Atalanta non può che essere questo l'obiettivo finale del 2012 che va a concludersi. Il dicembre dei nerazzurri inizia con la trasferta di Bologna, in programma domenica 2 dicembre alle 15. Il primo ostacolo di questo mese è tra i più difficili e tra i più importanti, visto che al Dall'Ara si troveranno di fronte due formazioni che hanno come obiettivo principale la salvezza.

Ovvio che in questo momento l'Atalanta, classifica alla mano, sia un gradino sopra del calderone che vede coinvolte le ultime, tra cui lo stesso Bologna, ma conterà conquistare tre punti contro un avversario diretto per arrivare a metà dell'opera, superare quei 20 punti per garantirsi maggior tranquillità per questo finale d'andata.

Va sulla via Emilia in cerca di rivincite dopo la sconfitta della scorsa stagione la formazione di mister Colantuono, allenatasi nella mattinata di sabato a Granarolo Emilia, ma deve fare attenzione agli ex nerazzurri, alcuni dei quali potrebbero avere un ruolo importante nel match. Guarente e Gabbiadini saranno titolari avranno qualche sassolino da togliersi dalla scarpa.

Il primo vorrà riscattare il disastroso ultimo anno a Bergamo che ha rovinato quanto di buono fatto in precedenza dal ragazzo cresciuto a Zingonia. Per Gabbiadini il discorso invece è diverso: una parte del suo cartellino è ancora di proprietà della società di Percassi e quindi il bergamasco ci terrà a maggior ragione a dimostrare che a Zingonia qualcuno ha sbagliato a non scommettere su di lui. Il futuro è dalla sua parte, la partita è di quelle speciali, il ragazzo sarà l'osservato speciale di giornata dai suoi ex compagni che lo conoscono a memoria, ma ci saranno anche altri nomi a fare paura.

Parliamo di Diamanti e Gilardino, gente da Nazionale, in grado da un momento all'altro di stravolgere le gerarchie della partita. Se però il Bologna si trova nei bassifondi della classifica significa che c'è qualcosa che non va nella squadra di mister Pioli, l'Atalanta dovrà così essere brava a difendersi e a aggredire l'avversario nel momento opportuno.

La formazione bergamasca non vince a Bologna dal 2008, un 1-0 siglato, guarda caso proprio dallo stesso Guarente. Nel Bologna troviamo una colonia di ex atalantini: Motta sarà del match, mentre non sono disponibili Garics, Acquafresca e Natali.

In casa Atalanta, invece, De Luca potrebbe prendere il posto di Bonaventura, ma il ballottaggio si protrarrà fino alla vigilia del match. Il talentino cresciuto nel settore giovanile di Zingonia è parso avere un leggero calo di forma in settimana e quindi non è escluso che rifiati lasciando spazio a quello che con la sua velocità ha rivoltato come un guanto la partita di Coppa contro il Cesena, favorendo il passaggio del turno degli atalantini grazie al gol del 2-1.

Nel caso di utilizzo, De Luca farebbe coppia con Denis, con Maxi Moralez che agirebbe nel ruolo di esterno sinistro. Giocasse invece Bonaventura, si riproporrebbe il classico 4-4-1-1 con Bonaventura esterno sinistro e Moralez a supporto di Denis unica punta.

Cigarini riprenderà il suo posto in mediana e al via si vedrà se mister Colantuono tenterà in qualche modo di bloccare il genio di Diamanti tra le linee. Per il resto non ci saranno novità rispetto alla formazione vista all'opera con il Genoa, con il recupero tra i convocati di capitan Bellini.

I due probabili schieramenti
BOLOGNA (4-3-1-2): 25 Agliardi; 11 Motta, 5 Antonsson, 43 Sorensen, 21 Cherubin; 6 Taider, 15 Perez, 17 Guarente; 23 Diamanti; 18 Gabbiadini, 10 Gilardino. All. Pioli.
ATALANTA (4-4-1-1): 47 Consigli; 77 Raimondi, 2 Stendardo, 5 Manfredini, 13 Peluso; 7 Schelotto, 21 Cigarini, 17 Carmona 10 Bonaventura (91 De Luca); 11 Maxi Moralez; 19 Denis. All. Colantuono.
Arbitro: Giannoccaro di Lecce (Niccolai-Dobosz/Cariolato/Banti-Giacomelli).
In tv: Sky Calcio 5; Premium Calcio 5.

Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata