Martedì 18 Settembre 2012

«Discorso chiuso con Cividini
Per lo stadio abbiamo molte idee»

Il presidente atalantino Antonio Percassi ha partecipato lunedì sera 17 settembre alla trasmissione «TuttoAtalanta» su Bergamo Tv. Temi caldi della puntata l'impresa di San Siro («Sì, la più bella vittoria della mia gestione») e il problema stadio («Disponibili per costruirne uno nuovo o per ristrutturare quello vecchio»).

Precedenza allo stadio. Percassi ha garantito che non c'è assolutamente spazio per ricomporre la frattura con Paolo Cividini e rilanciare l'idea del «Parco dello sport» per il semplice motivo che «siamo stati unilateralmente e irragionevolmente esclusi dal nuovo progetto presentato ad agosto. Per me ormai è un discorso chiuso, archiviato».

«Cosa dirò - ha continuato Percassi - al sindaco Tentorio che mi ha invitato a un riavvicinamente con Cividini? Ci sto pensando, ma quel che è sicuro è che siamo usciti dal Parco dello sport perché ci hanno sbattuto fuori e non ci rientreremo. Vedremo cosa riuscirà a fare lui (Cividini, ndr).... Noi andremo avanti da soli, siamo abituati a lavorare con gente seria».

«Siamo disponibili a ragionare con l'Amministrazione comunale per trovare una soluzione. Noi non escludiamo nulla, né la costruzione di uno stadio nuovo, come vorrebbe il Comune, né la ristrutturazione di quello vecchio. Se ci diranno che la soluzione stadio nuovo non è percorribile, studieremo l'alternativa della ristrutturazione del Comunale».

«Il nodo fondamentale è scegliere la soluzione definitiva, cioè dove fare lo stadio - Grassobbio? Potrebbe essere - per poter così lavorare sulla progettualità e presentare alle banche un progetto ben chiaro. Dobbiamo ragionare con calma, preferirei che non ci fosse tutta questa pressione sul tema stadio perché non possiamo più fallire, dobbiamo colpire nel segno».

«La finanziabilità è un bel problema, perché attualmente le banche non sopportano investimenti immobiliari di grande rilevanza, potrebbe aiutarci la legge sugli stadi che speriamo possa diventare preesto realtà, ma ripeto che l'importante è che si decida con l'Amministrazione comunale per una soluzione. Con una soluzione e l'autorizzazione per procedere i finanziamenti potrebbero non essere uno scoglio insormontabile».

Sull'ipotesi ristrutturazione, il presidente Percassi ha argomentato: «La Ztl che entrerà in funzione domenica rappresenta un test importantissimo. Funzionasse, si potrebbe valutare seriamente l'ipotesi di ristrutturazione dello stadio perché sarebbe risolto il grave problema dei parcheggi».

«Sono curioso di vedere quale reazione ci sarà. In tal senso chiedo alla tifoseria di sopportare qualche eventuale disagio iniziale. Si deve puntare a una mentalità diversa, non deve essere un dramma utilizzare i mezzi pubblici e farsi qualche centinaio di metri a piedi. Penso allo stadio del Chelsea che è a venti metri dalle case o a molti stadi europei che sono in centro città, eppure lì non ci sono problemi di viabilità».  

m.sanfilippo

© riproduzione riservata