Domenica 28 Ottobre 2012

Atalanta, peccato: 0-0 a Pescara
Rosso a Peluso frena i nerazzurri

PESCARA-ATALANTA 0-0
PESCARA (4-3-2-1)
: Perin 7,5; Zanon 6, Romagnoli 6, Bocchetti 6, Modesto 6 (28' st Balzano 6); Nielsen 6, Colucci 6, Bjarnason 5,5 (13' st Caprari 6); Weiss 5,5, Quintero 6,5, Vukusic 5 (1' st Abbruscato 6). In panchina Pelizzoli, Capuano, Cosic, Cascione, Celik. All. Stroppa.
ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 7; Raimondi 6,5, Stendardo 6, Manfredini 7, Peluso 5; Schelotto 6, Cigarini 7, Cazzola 6 (3' st Scozzarella 6), Bonaventura 7 (33' st Troisi sv); Maxi Moralez 6 (4' st Brivio 6,5); Denis 5,5. In panchina: Polito, Frezzolini, Lucchini, Matheu, Gagliardini, Marilungo, De Luca, Parra. All. Colantuono.
Arbitro: Valeri di Roma 6.
Note: spettatori 10 mila circa. Espulso Peluso al 2' st. Ammoniti Cazzola, Cigarini, Weiss, Quintero e Balzano. Angoli 8-4 per l'Atalanta. Recupero 1'+4'.

Un punto a Pescara per l'Atalanta che deve però rammaricarsi per non aver conquistato la vittoria in quanto, fino all'espulsione al 2' st di Peluso, stava dominando il match. Anche in 10 i nerazzurri hanno sfiorato il gol (palo di Brivio) soffrendo un po' soltanto nel finale.

L'annotazione positiva è che la squadra nerazzurra, con il «vecchio» 4-4-1-1, ha sfoderato una prestazione autoritaria sul piano del gioco, anche se è emersa ancora la non inesorabilità in fase di concretizzazione: l'Atalanta ha costruito molto, ma non ha segnato.

Purtroppo Peluso, in avvio di ripresa, ha commesso un fallo sicuramente evitabile a centrocampo che è valso la seconda ammonizione e la conseguente espulsione. Non sappiamo se in undici contro undici i bergamaschi avrebbero vinto, ma sicuramente l'inferiorità numerica ha un po' tarpato le ali ai bergamaschi.

Soltanto un po' perché, anche in 10 contro 11 e con uno schieramento che Colantuono ha dovuto per forza modificare, l'Atalanta ha continuato a credere nei tre punti e non ha rinunciato ad attaccare, tanto che al 22' st Brivio ha centrato un palo con una cannonata da lontano.

Il Pescara, contratto e timoroso per il momento precario (la panchina di Stroppa traballa), si è visto esclusivamente al 9' st, quando Manfredini ha anticipato Abbruscato, e a due minuti dal 90' quando Consigli si è guadagnato la pagnotta salvando il risultato su tiro di Abbruscato, ma per l'Atalanta sarebbe stata un'incredibile beffa.

Da sette le prestazioni di Consigli (una sola parata seria, ma fondamentale), Manfredini, Cigarini e Bonaventura e due insufficienze, Peluso e Denis. L'Atalanta sale a quota 9, alle spalle ha ancora cinque squadre, ma il match di mercoledì in casa contro il Napoli si preannuncia molto duro perché non ci saranno Cigarini e Peluso, destinati alla squalifica. E senza Cigarini, anche a Pescara il faro, sarà un bel problema costruire l'azione a centrocampo.

Marco Sanfilippo

CRONACA
Atalanta in campo a Pescara per la 9ª giornata di campionato. È uno scontro salvezza: bergamaschi a quota 8 e reduci dalla vittoria contro il Siena dopo 3 ko di fila e i neopromossi abruzzesi a 7. Mister Colantuono presenta lo schieramento previsto come modulo (4-4-1-1) e interpreti: è un ritorno alla vecchia disposizione, Moralez a supporto dell'unica punta Denis (con Bonaventura di nuovo titolare sulla fascia sinistra), che è stata alla base del bel campionato nella scorsa annata.

Nel Pescara del traballante Stroppa da segnalare due variazioni, ovvero Zanon e non Balzano come terzino destro e l'islandese Bjarnason e non Cascione come interno sinistro nel 4-3-2-1 organizzato dal tecnico abruzzese.

Dopo le polemiche seguite ai cori di pochi tifosi veronesi contro Piermario Morosini in occasione di Livorno-Verona, allo stadio Adriatico è apparso nel settore di curva Sud, occupato dai tifosi orobici, uno striscione con la scritta «La morte non ha colore. Per Morosini rispetto e onore».

Primo tempo
7': assist di Cigarini in area per Schelotto che calcia debolmente e centralmente, Perin para senza problemi.
12': Maxi Moralez calcia dalla trequarti destra, palla non lontano dai pali alla destra di Perin.
13': cross dalla trequarti destra di Raimondi, colpo di testa di Bonaventura a fil di palo alla sinistra di Perin.
22': ammonito Cazzola.
23': bordata da lontano di Cigarini, Perin ribatte con i pugni.
24': da Maxi Moralez a Denis in area, sulla destra, il centravanti tenta di liberarsi, ma Romagnoli lo limita.
30': splendida esecuzione da sinistra di Bonaventura, ma formidabile intervento di Perin sulla traiettoria arcuata e deviazione in corner.
39': sugli sviluppi del corner, mischia in area e colpo di testa impreciso in tuffo di Maxi Moralez.
40': ammonito Peluso.
45': 1' di recupero.
47': lancio in area sulla destra di Cigarini per Schelotto che calcia in modo impreciso al volo.
47': fine primo tempo, Pescara-Atalanta 0-0.

Secondo tempo

1': entra Abbruscato per Vukusic.
2': espulso Peluso per doppia ammonizione: secondo giallo per un fallo da dietro su Quintero a centrocampo.
3': entra Scozzarella per Cazzola.
4': entra Brivio per Maxi Moralez.
9': contropiede per l'Atalanta, Schelotto calcia alto da fuori area.
9': traversone basso da sinistra di Weiss, Abbruscato è in agguato a centro area, ma Manfredini con un grande recupero calcia la palla in angolo salvando un gol quasi sicuro nella prima palla-gol in favore del Pescara.
10': ammonito Cigarini che era diffidato, salterà dunque il match di mercoledì sera al Comunale contro il Napoli.
12': Schelotto tira da posizione angolata, Perin devia in corner..
13': entra Caprari per Bjarnason.
22': clamoroso palo dalla lunga distanza di Brivio, palla sotto le gambe di Nielsen e sul legno alla sinistra di Perin.
27': ammonito Quintero.
28': entra Balzano per Modesto.
32': corner da destra di Quintero e per un pelo Consigli non è beffato sulla sua destra.
33': entra Troisi per Bonaventura.
34': ammonito Balzano.
43': Abbruscato calcia a botta quasi sicura in sospetta posizione di fuorigioco, super respinta di Consigli.
45': 4' di recupero.
50': fine partita. Pescara-Atalanta 0-0.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata