I 15 anni di «Ragazzi On the Road», venerdì al Centro Congressi testimonianze e storie all’insegna della legalità

«Ragazzi On the Road» compie 15 anni: venerdì l’evento al Centro Congressi Giovanni XXIII con autorità, istituzioni e giovani insieme per «una svolta di consapevolezza». L’evento - aperto a tutti, previa prenotazione online, fino a esaurimento posti - alle 11.

I 15 anni di «Ragazzi On the Road», venerdì al Centro Congressi testimonianze e storie all’insegna della legalità

L’11 novembre, dalle 11, il palco della sala Oggioni del Centro Congressi Giovanni XXIII, a Bergamo, si trasformerà in una «strada virtuale» dove si incontreranno autorità, istituzioni, forze dell’ordine e soccorritori. Con loro una rappresentanza degli oltre 800 ragazzi «On the Road» che in questi 15 anni di storia hanno aderito al progetto socio-educativo, evolvendolo e rendendolo sempre di più un format del territorio per il territorio.

Il progetto, unico in Italia, è nato nel 2007 da un’idea del giornalista Alessandro Invernici e oggi vicepresidente dell’associazione Ragazzi On the Road - presieduta da Egidio Provenzi - condivisa con l’agente di Polizia Locale Giuseppe Fuschino. Ora festeggia i suoi 15 anni di attività raccontandosi attraverso testimonianze e riflessioni sulla sicurezza e la legalità, partendo dal coinvolgimento dei giovani protagonisti dell’attività educativa rivolta a ragazzi e ragazze, studenti e studentesse - anche universitari - dai 16 ai 20 anni.

Dalle strade della Valle Seriana alla Lombardia, «On the Road» è così un progetto made in Bergamo che rivoluziona il modo di educare alla prevenzione e alla legalità e che coinvolge i giovani in un percorso volto ad una maggiore consapevolezza, nei panni e in affiancamento in particolare alle polizie locali grazie all’adesione convinta di oltre 80 Comuni della Lombardia e la collaborazione delle forze dell’ordine e di numerosi istituzioni ed enti. Questo l’obiettivo: educare alla realtà per infondere consapevolezza dei rischi, pericoli e conseguenze che i giovani corrono sulla strada, giorno e notte. Per loro un cambio di prospettiva e di crescita attraverso una sorta di «incubatore di legalità».

A raccontare e tenere le fila degli incontri della mattinata dell’11 novembre Fulvio Giuliani, giornalista e conduttore, insieme a Davide Giacalone, giornalista, scrittore e saggista. Nel corso dell’evento saranno ripercorse le tappe più importanti dei quindici anni del progetto socio-educativo attraverso video, testimonianze e dichiarazioni.

A raccontare e tenere le fila degli incontri della mattinata dell’11 novembre Fulvio Giuliani, giornalista e conduttore, insieme a Davide Giacalone, giornalista, scrittore e saggista. Nel corso dell’evento saranno ripercorse le tappe più importanti dei quindici anni del progetto socio-educativo attraverso video, testimonianze e dichiarazioni.

Un importante momento sarà dedicato alla donazione di cinque defibrillatori - per continuare l’impegno già assunto dall’associazione attraverso «un dono per la vita» - ad altrettante istituzioni, grazie al prezioso e generoso contributo della Fondazione Credito Bergamasco. Nel corso della mattinata sarà inoltre presentato anche il libro, edito da FrancoAngeli Editori, «Bulldriver, conducenti che aggrediscono» di Flavio Lucio Rossio e con il case study sul progetto educativo «On the Road».

Leggi anche

Al termine dell’evento seguirà buffet a cura degli studenti dell’Istituto Guido Galli Vittorio Cerea Academy di Bergamo. L’ingresso all’evento dell’11 novembre è libero su prenotazione. È possibile iscriversi compilando il form a questo indirizzo.

Che cosa è «ragazzi On the Road»

L’Associazione «Ragazzi On The Road» di Bergamo - presieduta da Egidio Provenzi - promuove il progetto nato 15 anni fa - sulla strada, come recita il nome stesso - dall’idea di Alessandro Invernici, giornalista e vicepresidente dell’associazione, insieme all’agente di Polizia Locale, Giuseppe Fuschino. L’iniziativa, che vede la collaborazione e il riconoscimento di numerose istituzioni, ad oggi ha permesso di coinvolgere oltre 800 studenti, operando in 80 Comuni distribuiti su 4 province (Bergamo, Brescia, Milano, Sondrio), facendo conoscere e sperimentare loro di persona, sul campo, le attività nei panni delle realtà istituzionali e locali operanti negli ambiti della prevenzione, sicurezza, tutela, ausilio, soccorso, urgenza ed emergenza. www.ragazziontheroad.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA