L’indulgenza verso il male dei grandi della storia

L’indulgenza verso il male
dei grandi della storia

Il milione di argentini sfilati a Buenos Aires davanti alla bara di Diego Maradona alla «Casa Rosada» (la sede del governo), il lutto dei napoletani e i riconoscimenti da tutto il mondo, sconfessano l’affermazione per la quale il calcio sarebbe solo uno sport, pronunciata spesso a censura degli insensati scontri …

L’indulgenza verso il male
dei grandi della storia

Il milione di argentini sfilati a Buenos Aires davanti alla bara di Diego Maradona alla «Casa Rosada» (la sede del governo), il lutto dei napoletani e i riconoscimenti da tutto il mondo, sconfessano l’affermazione per la quale il calcio sarebbe solo uno sport, pronunciata spesso a censura degli insensati scontri tra ultras e degli ingaggi da favola dei giocatori. Il calcio è anche uno sport, il più praticato da tesserati nelle società (1,4 milioni solo in Italia) o da semplici appassionati. Non c’è oratorio che non abbia il suo campetto e rettangoli da gioco si trovano anche nei villaggi più sperduti del Sud del mondo povero, in terra battuta o di sabbia e con le porte di assi di legno.