«Lungo il cammino di Santiago ho capito dove era il mio futuro»

«Lungo il cammino di Santiago
ho capito dove era il mio futuro»

Da tre anni Nausica Triolo, 25enne di Rovetta, lavora per una start up in Danimarca. «Non sono io ad aver scelto la Danimarca, ma è lei che si è fatta scegliere» dice la giovane bergamasca.
«La prima volta che lasciai casa decisi di andare a Bolzano – racconta – per ...

«Lungo il cammino di Santiago
ho capito dove era il mio futuro»

Da tre anni Nausica Triolo, 25enne di Rovetta, lavora per una start up in Danimarca. «Non sono io ad aver scelto la Danimarca, ma è lei che si è fatta scegliere» dice la giovane bergamasca.
«La prima volta che lasciai casa decisi di andare a Bolzano – racconta – per iniziare il mio percorso universitario in Economia & Management alla Libera Università di Bolzano con tre lingue d’insegnamento: italiano, inglese e tedesco. Ho sempre avuto una forte passione per le lingue, conoscere gente diversa e misurarmi in situazioni nuove. È ciò che da sempre mi fa sentire viva. Ci sono voluti però due anni e mezzo tra le Dolomiti, un anno di Erasmus alle Canarie e un cammino di Santiago in solitaria prima di arrivare in Danimarca».