Germania
La Germania si ritrova coi fantasmi del passato

La Germania si ritrova
coi fantasmi del passato

Con un fotogramma a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino la situazione in Germania si può riassumere così: il ministro degli esteri Heiko Maas scrive un articolo pubblicato per 26 testate giornalistiche europee e non cita una sola volta gli Stati Uniti. Tutti i ringraziamenti vanno a Michail Gorbatschow. ...

La Germania si ritrova
coi fantasmi del passato

Con un fotogramma a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino la situazione in Germania si può riassumere così: il ministro degli esteri Heiko Maas scrive un articolo pubblicato per 26 testate giornalistiche europee e non cita una sola volta gli Stati Uniti. Tutti i ringraziamenti vanno a Michail Gorbatschow. In Turingia, nell’est del Paese, il partito nazionalista Afd guidato da un politico a chiara vocazione razzista il 27 di ottobre 2019 raccoglie il 23,4 % dei consensi. Il primo partito con il 31% è la Linke, l’erede della vecchia Sed ai tempi della Germania comunista.

Precedente Successivo