La curva nella Bergamasca «Il picco sarà a metà marzo»

La curva nella Bergamasca
«Il picco sarà a metà marzo»

Le due settimane più critiche. È questo l’orizzonte, nelle proiezioni dei numeri. Quelle tracciate da Alberto Gerli, ingegnere ed esperto di modelli matematici, le cui elaborazioni sull’evoluzione del Covid sono diventate punto di riferimento anche per molti medici milanesi, indicano a metà marzo il picco della nuova ondata in Bergamasca.
METEO In collaborazione con 3BMeteo
La notte a Cerete Foto del Giorno La notte a Cerete

La scelta obbligata
dei 5 stelle a pezzi

di Andrea Ferrari
La scelta obbligata dei 5 stelle a pezzi

E così Giuseppe Conte sarà il nuovo capo politico del Movimento Cinque Stelle. Sulle procedure formali per arrivarci un qualche accordo si troverà. I militanti solo poche settimane fa avevano deciso che a guidare il Movimento sarebbe stato un direttivo di cinque persone da eleggere e non più un capo solitario: pazienza, si troverà il modo per aggirare l’ostacolo, magari il direttivo a cinque diventerà la «segreteria» di Conte e anche i militanti di Rousseau dovranno star contenti. Del resto, perché Grillo ha pensato a Conte? Per la banale ragione che la sua creatura è a pezzi. Sì, certo, sta al governo, ha cinque ministri e un tot di vice e sottosegretari, e detiene il suo cospicuo lotto di potere nel sottogoverno e nelle aziende di Stato.

Geopolitica dei vaccini
Ora i conti non tornano

di Giuseppe D’Amato
Geopolitica dei vaccini Ora i conti non tornano

Cecità o ingordigia? La pandemia ha messo in luce i gravi errori e le scelte folli degli ultimi decenni sull’altare di un’impazzita delocalizzazione. Risultato? Nella primavera 2020 abbiamo atteso settimane prima che arrivassero in Europa le mascherine dalla Cina, a quanto pare, in quel momento unico fabbricante al mondo di tale articolo. Adesso sono stati definiti vari vaccini, pure registrati dagli Enti competenti dopo la corsa a perdifiato delle sperimentazioni, ma le multinazionali farmaceutiche non sono in grado di produrre le quantità che si sono impegnate a consegnare, firmando dei contratti. Complimenti per l’incredibile dimostrazione di responsabilità da parte dei loro amministratori delegati! L’etica, evidenziata da Adam Smith e Milton Friedman, è sempre più relegata nel dimenticatoio.

Juve agganciata
E l’Atalanta è più affidabile

di Andrea Benigni
Juve agganciata E l’Atalanta è più affidabile

Cinica e spietata. Con qualche brivido di troppo all’inizio. Lo stato di salute dell’Atalanta vista a Marassi è alla fine rassicurante. Ha lasciato sfogare una Sampdoria vivace e reattiva per quasi 45 minuti e poco prima del riposo l’ha trafitta al primo tiro in porta, grazie a quel sinistro micidiale che è il gran dono di natura di Malinovskyi, l’ucraino talentuoso di cui aspetti sempre la definitiva esplosione.

Bergamo, mola mia
Così è nato il video
che ha fatto
il giro del mondo

di Andrea Taietti
Bergamo, mola mia Così è nato il video che ha fatto il giro del mondo

Docente all’Università di Las Vegas. «Ho raccolto le voci dei bergamaschi oltre confine per far sentire la vicinanza alla nostra città ferita». È passato un anno da quando il Covid-19 è arrivato e ha travolto la bergamasca come uno tsunami. Quello che è successo nei mesi successivi lo abbiamo ancora tutti ben impresso nella mente, negli occhi e nel cuore. Nessun bergamasco potrà mai dimenticare ciò che abbiamo vissuto. Nemmeno quelli che vivono all’estero e che il dramma lo hanno vissuto da lontano, con un senso di impotenza e paura forse ancora più amplificato proprio per la lontananza da casa e dalla famiglia. Sono stati mesi terribili, che avranno conseguenze sulle persone a lungo nei prossimi anni.